“Non di solo PIL è fatto il benessere”

Leave a comment


Articolo ripreso dal Corriere del Ticino del 09.11.15

Il 13 ottobre scorso si è tenuta a Lugano una conferenza passata forse inosservata per via dei frenetici impegni elettorali del momento, dal titolo «Quale crescita per il Ticino? Sviluppo quantitativo contro qualità di vita?». Organizzato congiuntamente da PPD e Verdi liberali Ticino era il primo di una serie di incontri – il prossimo è in programma per il febbraio 2016 – che si inseriscono nell’ambito di un programma congiunto di conferenze che mira a trattare un tema delicato con effetti non solo economici, ma con impatti rilevanti anche e soprattutto sull’ambiente e l’utilizzo del territorio, quello della crescita.
In questo primo incontro, che partiva dal presupposto che la crescita economica è comunque stata e continua ad essere tuttora parte integrante dell’aumento del benessere nella maggior parte delle regioni del mondo, si è voluto evidenziare che in Svizzera, per contro, abbiamo già raggiunto un tale livello di benessere materiale, per cui lo stesso benessere percepito dal singolo non aumenta più anche se in presenza di crescita economica. Per questa ragione in futuro la crescita di per sé non può restare quale unico rimedio universale risolutivo. Siamo ormai vicini al punto in cui la crescita dell’uno limita quella dell’altro e dunque la soglia di beneficio della crescita per la popolazione intera inizia a scendere o diventa addirittura negativa. Vanno dunque pensate nuove strutture che permettano un miglioramento delle condizioni di vita della popolazione svizzera, anche quando in futuro la crescita economica non dovesse più esserci.
Del resto la presa in considerazione di tutti i costi esterni (cambi climatici, estinzione delle specie, penuria delle risorse, malattie, urbanizzazione, degrado del territorio) fa sì che l’incremento netto del benessere sia vicino allo zero. Ne deriva che la decantata mancanza di alternative alla crescita economica come chiave dell’acquisita sicurezza del benessere venga messa sempre più in discussione.
Mentre la politica svizzera continua ad orientarsi verso il Prodotto interno lordo quale unico parametro di determinazione di crescita, nel resto del mondo già da qualche anno si osserva come i provvedimenti politici volti ad incentivare la crescita non producano più risultati degni di nota, e la disoccupazione resta irrimediabilmente elevata e i dati congiunturali sono deboli e non costantemente positivi, nonostante gli immensi sforzi degli Stati.
Il tema della crescita è dunque di grande attualità ma invero tuttora pressoché assente nel recente dibattito politico, e l’aver trovato i necessari punti di condivisione di contenuti e convergenza di pensiero in Filippo Lombardi per dar corso a questi incontri è a mio avviso certamente un punto di forza non solo nell’ambito della collaborazione tra i nostri due partiti iniziata con la congiunzione delle liste, ma anche e soprattutto per portare il dibattito pure in sede di politica federale.
Ritengo dunque per la sensibilità dimostrata non solo in particolare su questo tema, ma più in generale su una buona parte di temi che ci vedono come verdi liberali particolarmente attenti nell’ambito della difesa dell’ambiente, di dare il mio pieno appoggio di voto a Filippo Lombardi nel prossimo ballottaggio.

««« back to home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.