Newsletter, N. 24 / Maggio 2014

Leave a comment

http://www.glp-net.ch/newsletter.php?nlid=641d77dd5271fca28764612a028d9c8e&aid=1811
Newsletter, N. 24 / Maggio 2014

Cari verdi liberali, cari amici interessati,

nella nostra 24a newsletter  vi informiamo, tra l’altro, sulle prossime votazioni federali del 18 maggio, sulla passata sessione primaverile del Consiglio degli Stati e del Consiglio Nazionale nonché sulle possibilità di collaborare con i gruppi di lavoro del partito.

Vi auguriamo una piacevole lettura.

 

1. Informazioni sulle votazioni federali del 18 maggio 2014.

No al decreto Federale concernente il credito per l’acquisto degli aerei da combattimento Gripen

I nostri delegati si sono già espressi nell’ottobre del 2013 con 82 voti contrari, 9 sì e 11 astensioni contro l’acquisto degli aerei da combattimento Gripen. Di conseguenza con altri rappresentanti della politica, dell’economia e dell’esercito abbiamo fondato il Comitato Liberale interpartitico “ No al Gripen”.

Il Comitato Liberale appoggia una credibile difesa del territorio nazionale, l’acquisto dei Gripen è però al giorno d’oggi irragionevole dal punto di vista della politica finanziaria e non necessario dal punto di vista della sicurezza. Prima dell’acquisto di nuovi aerei da combattimento il mandato dell’esercito e in special modo i compiti dell’aeronautica militare devono essere, sulla base delle minacce più verosimili, verificati e nuovamente definiti. Per l’adempimento dei compiti di polizia aerea attuali gli FA-18 assolvono egregiamente il loro mandato. Non c’è quindi alcuna fretta per l’acquisto di nuovi aerei. Al contrario in altri ambiti dell’esercito persistono gravi mancanze nell’armamento. Di fronte a questo scenario e sulla base della pressione al risparmio sul piano federale, l’acquisto di nuovi aerei da combattimento delegittima, allo stato attuale, ogni ragionevole politica finanziaria dato che blocca a lungo termine miliardi di franchi di introiti fiscali.

 

No all’iniziativa popolare ‘Per la protezione di salari equi’ (Iniziativa sui salari minimi)

I nostri delegati hanno respinto il 25 gennaio 2014 con 89 no, 4 sì e 3 astensioni l’iniziativa dei sindacati “Per la protezione di salari equi“.

La flessibilità del mercato del lavoro e il partenariato sociale sono i vantaggi principali della posizione della Svizzera. Contratti collettivi di lavoro consentono, al contrario di un salario minimo capillare, una maggior considerazione di comparti e regioni. Sulla base di questo sistema consolidato la Svizzera ha, confrontata internazionalmente, una bassa disoccupazione e, al contrario di paesi con un mercato del lavoro fortemente regolamentato, siamo usciti bene dalla passata crisi economica e finanziaria. Un salario minimo nazionale aumenterebbe non solo i bassi salari ma anche tutta la struttura salariale. La conseguenza sarebbe un forte rincaro del mercato del lavoro in Svizzera e quindi una diminuita capacità concorrenziale. Inoltre metterebbe a rischio posti di lavoro nell’ambito dei lavoratori con salari più bassi.

 

No all’iniziativa popolare “Affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli”.

I nostri delegati hanno respinto il 25 gennaio 2014 con 90 voti contro, 5 a favore e 7 astenuti l’iniziativa popolare “Affinché i pedofili non lavorino più con fanciulli“ e si sono pronunciati per una modifica della soluzione legislativa proposta tramite un controprogetto.

I fanciulli dovrebbero essere più protetti da pregiudicati autori di atti sessuali e violenti. L’iniziativa per la quale andremo a votare il 18 maggio è però superflua e va persino troppo oltre il bersaglio.

Il Parlamento ha già deciso un controprogetto, che verosimilmente entrerà in vigore il 1° gennaio del 2015 e che adempie già a tutti i requisiti richiesti dall’iniziativa in questione. Questo prevede nel caso di atti sessuali con fanciulli e persone dipendenti di una certa gravità un divieto automatico d’attività della durata di 10 anni, eventualmente se del caso anche vita natural durante. Gravi atti vengono quindi trattati come nel caso dell’iniziativa. Contrariamente all’iniziativa viene però salvaguardato il principio di proporzionalità e viene fatta distinzione tra i veri pedofili (p.es. qualcuno che usa violenza su una bambina di 10 anni) e delitti sessuali tra minorenni (p.e. un 19enne che molesta una 15enne ).

 

Si al decreto federale sulle cure mediche di base.

I nostri delegati si sono pronunciati sabato 12 aprile 2014 con 111 sì 8 no ed un astenuto a favore del decreto federale sulle cure mediche di base.

I medici di famiglia ed i pediatri hanno un ruolo centrale nelle cure mediche di base in Svizzera. Lo sviluppo demografico e i progressi tecnici fanno sì che i malati cronici con più malattie aumentino sempre di più. Ciò ha dirette conseguenze sul fabbisogno di prestazioni della medicina di base. Già oggi medici di famiglia e pediatri non possono più essere sollecitati oltremisura. Il problema è particolarmente acuto nelle zone di campagna e di montagna. Proprio in queste zone i medici di famiglia ed i pediatri sono i primi ad essere sollecitati dato che sono presenti in caso di bisogno e anche di notte, e se necessario arrivano a casa dei pazienti qualora questi non siano in grado di spostarsi fino agli studi medici. La mancanza di medici di famiglia e pediatri nel nostro paese è confermata anche dal confronto internazionale. Secondo l’OECD un sistema sanitario formato sulla base dei medici di famiglia richiede 1 medico ogni 1000 abitanti. La percentuale in Svizzera è dello 0,56/1000 con tendenza per di più al ribasso. É quindi evidente che già da oggi dobbiamo preoccuparci di invertire la tendenza senza aspettare che il problema si aggravi.

 

2. Rapporti del gruppo parlamentare verde liberale sulla sessione parlamentare primaverile.

Sul sito http://www.grunliberale.ch/unsere-positionen/aus_dem_parlament trovate i rapporti delle passate sessioni del Consiglio degli Stati e del Consiglio Nazionale. Sulla pagina http://verdiliberali.ch/attuale/comunicati-stampa.html sono sempre disponibili i comunicati stampa dei verdi liberali svizzeri. Chi desiderasse ricevere oltre alla newsletter anche i nostri comunicati stampa può abbonarsi con una mail a svizzera@verdiliberali.ch.

 

3. Gruppi di lavoro.

Per il consiglio direttivo ed il gruppo parlamentare il rafforzamento dei contenuti è una questione di primaria importanza da portare avanti. Per far si che questo sia possibile i gruppi di lavoro interni al partito verranno strutturalmente rafforzati, e ciò significa che saranno più connessi agli organi nazionali e parlamentari. Ogni gruppo lavora con compiti connessi a chiari e specifici progetti. I seguenti gruppi esistono, o rispettivamente sono formati ex-novo.

. Economia agraria

. Politica estera

. Formazione

. Energia

. Famiglia/Società

. Telecomunicazioni

. Finanza ed economia (con il sottogruppo PMI)

. Sanità

. LGBTI

. Pianificazione del territorio

. strong>Sicurezza

. Assicurazioni sociali

. Trasporti

. Crescita

 

Chi avesse tempo e interesse a collaborare attivamente può annunciarsi alla segreteria generale del partito (svizzera@verdiliberali.ch). Favorite inoltre dichiarare le vostre competenze riguardo al gruppo di lavoro a cui aspirate collaborare.

 

4. Novità dalle sezioni cantonali del partito.

Verdi liberali Canton Argovia : l’ultimo anno di votazioni in serie l’abbiamo alle spalle. Con i risultati siamo da contenti a molto soddisfatti. In special modo i risultati delle elezioni locali ci rendono fiduciosi di aver allargato la nostra base. Alla testa del partito cantonale c’è stato un cambio: Felix Jenni si è ritirato dal Gran Consiglio.

Ora il partito è diretto da Barbara Portmann. L’anno che abbiamo davanti a noi è all’insegna della ripresa, della stabilizzazione e della presa di slancio per le votazioni nazionali che ci aspettano. Ci rallegriamo inoltre per il debutto della nuova segretaria del partito, Siamo convinti di aver fatto un passo in avanti in direzione della professionalità del partito. I nostri membri avranno quindi più tempo da dedicare alla politica.

Verdi liberali Cantone Basilea Campagna: l’8 gennaio 2014 Martin Bäumle è stato ospite ad una nostra assemblea molto ben frequentata. Tre anni dopo la sua presidenza ad interim Martin si è dichiarato molto contento con la nostra sezione ed ha lodato Hector per come ha portato i verdi liberali di Basilea Campagna in acque tranquille. L’obiettivo per le votazioni del Gran Consiglio fra un anno è il raddoppio dei mandati. Dobbiamo assolutamente giungere a rafforzare il partito sul piano cantonale. Un ulteriore obiettivo è la conquista di un seggio al Consiglio Nazionale. Il 1° gennaio abbiamo licenziato un nuovo organigramma di partito. La costituzione di una segreteria di partito(20%) è una pietra miliare per i verdi liberali di Basilea Campagna.

Verdi liberali Canton Glarona: al momento sono in corso le preparazioni per le votazioni di maggio (consiglio comunale e Consiglio di Stato)

Verdi liberali Canton Lucerna : il 12 gennaio 2014 Olivier Bucheli è stato eletto nel Municipio  di Adligenswil.. In quanto responsabile del Dicastero Polizia si occupa pure dell’ambiente. I verdi liberali sono cosi rappresentati in 3 municipi del cantone. Nel dicembre del 2013 c’è stato anche un cambio nella nostra deputazione al Gran Consiglio: Andreas Zemp (Hochdorf) sostituisce David Staubli (Emmen) che dimissiona per motivi professionali.

Verdi liberali Canton San Gallo : i verdi liberali hanno inaugurato l’anno con un incontro-apero. Sono intervenute la Consigliera Nazionale Margrit Kessler e la co-presidente cantonale Jacqueline Gasser-Beck. Per il gruppo di lavoro Formazione si cerca ancora una persona competente che ne possa assumere anche la direzione. Interessati possono rivolgersi alla presidenza cantonale.

Verdi liberali Canton Svitto : i verdi liberali nel secondo anno dalla formazione sono sulla buona strada. Già l’8 gennaio 2014 si è svolta la prima riunione annuale dei verdi liberali svittesi. Al centro dell’attenzione sono state le discussioni e le raccomandazioni di voto per le votazioni del 9 febbraio 2014. Ci siamo occupati in seguito dell’iniziativa “ Per un giusto sistema di votazione proporzionale “ con la preparazione e la formazione di idee prima della votazione popolare.

Verdi liberali Canton Zugo: Anche nel 2014 avrà luogo nel Canton Zugo un “Super sunday” con votazioni a tutti i livelli (cantonale e comunale).Ci stiamo impegnando per allestire una lista per il Gran Consiglio in tutti gli 11 comuni del cantone. La campagna elettorale si concentrerà però nei comuni di Zugo, Baar e Cham. A Zugo, Cham e Walchwil siamo canditati anche per gli esecutivi. Obiettivo dei verdi liberali zughesi è rafforzare il partito in entrambi i parlamenti, il Gran Consiglio e il consiglio comunale della città di Zugo.

 

5. Manifestazioni/ Riferimenti

Sabato 10 maggio 2014 avrà luogo a Weinfelden un incontro  “Networking” per giovani verdi liberali, seguirà l’invito.

Sabato 17 maggio 2014 diversi partiti – tra cui noi verdi liberali – organizzano sulla Münsterplatz di Berna una manifestazione dal titolo “ Matrimonio per tutti “. La ricorrenza dell’IDAHOT (international day against Homophobie) costituirà un segnale forte per il riconoscimento e l’equiparazione dei diritti degli omosessuali nel matrimonio in Svizzera. http://www.idahot.ch

Sabato 17 maggio 2014 avrà luogo a Bienne la prima occasione d’incontro delle donne verdi liberali.

La nostra segretaria generale Sandra Gurtner-Oesch sarà a partire da maggio per la seconda volta in congedo maternità. Durante questo lasso di tempo il sostituto segretario generale Michael Köpfli ne farà le veci.

Dall’ultima newsletter due praticanti, Marlène Roussey e Jonas Wolfensberger, hanno iniziato a lavorare nel nostro segretariato generale.

nbsp;

6. Prossima newsletter nazionale.

La prossima newsletter nazionale uscirà dopo la sessione parlamentare estiva.

Rapporti dai cantoni e/o consigli ai nostri membri possono essere inviati volentieri all’indirizzo svizzera@verdiliberali.ch . Ci riserviamo il diritto di selezionarli.

 

7. Importanti appuntamenti nazionali 2014.

10 maggio – incontro “ Networking “ per giovani verdi liberali a Weinfelden

17 maggio – primo incontro nazionale delle donne verdi liberali a Biel

18 maggio – votazioni federali

28 giugno – assemblea dei delegati a Zugo

28 settembre – votazioni federali

11 ottobre – assemblea dei delegati a Neuchâtel

30 novembre – votazioni federali

Tutti gli appuntamenti si trovano su: http://verdiliberali.ch/attuale/agenda.html

««« back to home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.