L’Energie Trialog sottolinea la necessità di una riforma fiscale ecologica.

Leave a comment

Il rapporto finale di Energie Trialog Svizzera, largamente sostenuto, mostra che la decisione dell’uscita della
Svizzera dall’energia nucleare è tecnicamente possibile.
I verdi liberali condividono le conclusioni del rapporto finale, sulla necessità di un potenziamento degli strumenti dell’economia di mercato, al posto delle sovvenzioni.
Ai verdi liberali fa in particolare piacere che ora apparentemente anche Economiesuisse, che partecipa a Trialog, intravede la necessità di una riforma fiscale ecologica.
Con l’iniziativa popolare promossa dai verdi liberali a fine 2012 “energia al posto dell’imposta sul valore aggiunto” è già disponibile un progetto per una riforma fiscale
ecologica senza impatto sul bilancio dello stato. I verdi liberali si aspettano che tutti i partiti che nell’anno di
votazione 2011 hanno annunciato l’uscita dall’energia nucleare, affrontino ora le riforme necessarie. Il rapporto
finale presentato dalla Energie Trialog evidenzia come l’uscita dall’atomo sia solo possibile per il tramite di una riforma fiscale ecologica.
Il sostegno all’iniziativa popolare “Imposta sull’energia invece dell’IVA” o in alternativa,
l’elaborazione di un controprogetto incisivo da parte del parlamento è assolutamente impellente, ritiene il presidente del partito Martin Bäumle.

Visualizza il PDF con l’articolo completopdf icona

««« back to home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.